Il World Food Programme come unico argine alla devastazione post Covid-19