“Riduce l’efficacia delle cure”: cosa si rischia con la nuova variante