Il coronavirus non si prende al supermarket