Zero stranieri, negozi chiusi (e in vendita). Viaggio nella Serenissima che sprofonda