Lo smartphone dormendo aiuta la ricerca