La beffa dello smart working: la metà dei lavoratori denunciano mini pausa pranzo, impossibilità di “staccare”, sedentarietà