Sindrome di Down e vulnerabilità al coronavirus