Coronavirus, uno “scudo genetico” potrebbe aver protetto il Sud Italia