1,5 miliardi di euro per la “sanità ecologica”?