Coronavirus: una nuova “opportunità” per il runner