Coronavirus, la risposta immunitaria potrebbe essere molto diversa da persona a persona