Pazienti giovani gravi: ipotesi reazioni autoimmuni