“Neurocovid”: quando il coronavirus attacca il cervello | Fondazione Umberto Veronesi