La differenza tra prima e seconda ondata di Covid-19 in Europa sono i movimenti negazionisti nelle piazze