Fase 2: serve adottare il modello “Veneto” nell’organizzazione della sanità?