Coronavirus, il deserto dei luoghi