Lacrimogeni ai tempi della CoViD-19: i rischi