“Ciao sono Laura”. Storia di una guarigione Covid e di medici a cui non stringere la mano