Una “Guardia civica” per far rispettare i limiti della fase 2