L’impatto del Covid-19 sulla nostra dieta mediatica e sul giornalismo