Coronavirus: alcuni geni potrebbero rendere più vulnerabili