Galimberti: “Avevamo rimosso il senso della morte”