Perché abbiamo regalato un’estate all’epidemia?