Storie di epidemie e di Covid-19: meno narrazioni e più storie naturali