L’epidemia sommersa nella seconda ondata