Coronavirus, gli effetti neurologici sono ancora un mistero