Donne e uomini, perché con la pandemia si rischia un passo indietro