Dobbiamo rivedere il nostro modello di mobilità?