I “debolmente positivi” sono contagiosi? Cosa c’è da sapere