La copertura sanitaria universale alla prova di Covid-19