le “magnifiche sette” a capo dei Paesi che gestiscono meglio la pandemia