La potenza di fuoco dello Stato e le (eterne) responsabilità della burocrazia