lo studio dell’Università di Bergamo: “Ecco perché qui ha colpito duro”