Il mare di miliardi iniettato dalle banche centrali spinge i mercati azionari