L’orologio dell’apocalisse, cento secondi alle fine del mondo. E non è colpa del coronavirus