Quei 5 ventenni gravi e l’età dei malati che si sta abbassando: in rianimazione tra i 40 e i 60 anni