La ricerca su COVID-19 ha bisogno di dati condivisi