Vetri infranti e auto danneggiate, la contraddizione della protesta