Coronavirus, lo studio che rivela perché alcuni malati sono più gravi