COViD-19: basta concentrarsi sulla “seconda ondata”